Fattura Elettronica

Fattura Elettronica

Fattura Elettronica

Il primo gennaio 2019 parte la fatturazione elettronica, un obbligo che interesserà tutti i contribuenti titolari di Partita IVA con esclusione dei contribuenti minimi e forfettari.

Cos’è una fattura elettronica

La e-fattura è una cosa ben diversa dalla fattura cartacea che abbiamo utilizzato fino ad oggi. La fattura elettronica è ben diversa dallo strumento cartaceo attuale perché ha due caratteristiche di base:

il file deve essere di tipo XML conforme a quello previsto dall’ AGE  cioè le informazioni richieste  devono essere inserite secondo un ordine ben preciso che è quello stabilito nel provvedimento del 30 aprile 2018 dall’Agenzia delle Entrate.

Il file XML non può transitare direttamente dal fornitore al cliente- destinatario ma deve passare per il sistema di interscambio. Il sistema di interscambio svolge una funzione di controllo delle fatture e di consegna al destinatario.

Le fatture devono essere emesse in formato XML secondo il tracciato telematico stabilito dall’AGE, poi devono essere trasmesso al Sistema di Interscambio che controlla tutti gli aspetti tecnici (se la fattura viene incasellata in un campo non previsto dal tracciato la fattura sarà respinta). SE la fattura trasmessa dal sistema di interscambio è corretta viene recapitata al cliente destinatario; se la fattura non supera il controlli la fattura sarà respinta e reinviata al mittente. Il soggetto cliente non riceverà nulla e sarà come se il soggetto emittente non avesse mai emesso la fattura.

Fattura elettronica è elusivamente un file XML che transita tramite il sistema di interscambio.

PER EMETTERE LE FATTURE ELETTRONICHE SERVE UN SOFTWARE PER SCRIVERE LE INFORMAZIONI DELLA FATTURA SECONDO IL TRACCIATO E NEL FORMATO (XML) PREVISTO DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE

PER TRASMETTERE LE FATTURE ELETTRONICHE SERVE UNO STRUMENTO INFORMATICO CHE PERMETTE DI INTERAGIRE CON IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO.

Il nostro studio può metterti a disposizione le soluzioni informatiche per l’emissione e la trasmissione delle fatture elettroniche

Come inviare la fattura elettronica ai tuoi clienti

La fattura elettronica per esistere deve essere  trasmessa dal soggetto emittente al Sistema di Interscambio che provvede a recapito  al cliente finale.

Le fatture può essere trasmessa al sistema di interscambio in 3 modi:

attraverso pec (posta elettronica certificata)

attraverso un sistema informatico dedicato

attraverso il sito web dell’agenzia delle Entrate Fatture e corrispettivi

Come puoi ricevere una fattura elettronica dai tuoi fornitori

Come per la trasmissione delle fatture elettroniche è necessario transitare dal Sistema di Interscambio così   le fatture di acquisto perverranno dal sistema di interscambio. Una fattura elettronica può essere ricevuta attraverso due canali: si richiede l’invio del file fattura  sulla pec istituzionale  (oppure si può decidere di aprire un indirizzo pec solo per la ricezione delle fatture elettroniche)

Si utilizza un sistema informatico dedicato che mette in collegamento il sistema informatico  dell’azienda  sistema informatico dell’ AGE. In questo modo tutte le fatture pervengono al sistema informatico del contribuente  e si trovano accentrate in un unico sistema che consente una facile consultazione e registrazione

Se per disservizi la pec o il sistema informatico dedicato non funzionano il Sistema di Interscambio effettuerà 5 tentativi cercando di recapitare la fattura e mette a disposizione la fattura nell’area riservata del sito dell’AGE. In questo caso l’AGE darà comunicazione del caso di  mancato recapito e spetterà al fornitore comunicare al cliente finale che non si è riusciti a consegnare nel luogo informatico indicato. Di conseguenza il cliente finale dovrà accedere alla sua area riservata e prendere visione della fattura.

Per ricevere le fatture elettroniche dai tuoi fornitori è opportuno utilizzare un canale telematico dedicato, al quale l’agenzia delle Entrate abbia assegnato un codice destinatario di 7 cifre.

Devi comunicare il codice ai tuoi fornitori i quali lo inseriranno nelle fatture elettroniche in modo che il Sistema di Interscambio sia in grado di consegnarle.

Il nostro studio può metterti a disposizione un canale telematico e un codice destinatario attraverso con il supporto di una software house

Cosa sono e perché sono utili l’indirizzo telematico e il QR code

Per poter ricevere una fattura in formato elettronico è necessario indicare l’indirizzo telematico di riferimento: cioè la pec prescelta per la recezione delle fatture o in alternativa il canale informatico dedicato.

Per emettere una fattura è necessario indicare dei dati in più rispetto a quelli  indicati attualmente

Il soggetto che  emette la fattura  deve richiedere

Dati anagrafici del cliente

Canale prescelto per la registrazione della fattura:

pec            oppure                 codice del destinatario

la procedura può essere snellita se si  decide di attuare la funzione di preregistrazione dell’indirizzo preferenziale. Ogni contribuente che dovrà ricevere le fatture elettroniche può comunicare al Sistema di Interscambio qual è l’indirizzo su cui ricevere le fattura consentendo al Sistema di Interscambio la consegna.

Questa pre- registrazione consentirà all’ AGE di generare il QR code, un codice bidimensionale che consente di leggere le informazioni tramite le scansioni con uno strumento adeguato. All’interno del QR code saranno codificati tutti i dati utili alla fatturazione. Questo codice sarà generato sia nel formato immagine ( da conservare nel telefonino utile da esibire in caso ) sia nel formato pdf.

COME CAMBIA LA CONSERVAZIONE DELLE FATTURA: DIVENTA DIGITALE

Che cos’è la conservazione elettronica sostitutiva.

Attualmente le fatture devono essere conservate per fini fiscali e civilistici. Le fatture

PER ESIGENZE FISCALI E CIVILISTICHE E’ SEMPRE STATO NECESSARIO CONSERVARE LE FATTURE (MATERIALMENTE LE FATTURE STAMPATE  VENGONO CONSERVATE PER IL TEMPO MINIMO PREVISTO DALLA LEGGE)

LA FATTURA ELETTRONICA E’ IL FILE XML COME TALE E’ DEMATERIALIZZATO. LACONSERVAZIONE DEVE FILE DEVE RISPETTARE DEGLI STANDARD TECNICI PREVISTI DALLA LEGGE.

LA CONSERVAZIONE DIGITALE SOSTITUTIVA E’ UN PROCEDIMENTO INFORMATICO CHE SERVE A PRESERVARE UN FILE NEL TEMPO CONFERENDOGLI VALORE LEGALE

PER RISPETTARE L’OBBLIGO DI LEGGE BISOGNA EFFETTUARE LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DELLE FATTURE.

Fattura_elettronica_guida_pratica_cliente_di_studio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi